Posts Tagged ‘Cuore’

Pienezze e vuoti

domenica, febbraio 14th, 2016

Alessandro

Inauguriamo oggi, la rubrica “Posta del Cuore“.

La data prescelta per il debutto, non è del tutto casuale, coincide con San Valentino, la festa degli innamorati. Però, per quanto ci riguarda, l’amore, non è solo quello convenzionale, ovvero quello che investe un uomo e una donna, con una differenza anagrafica accettabile, collettivamente riconosciuto e rassicurante, che rientra in tutti i cliché del caso. No, per noi l’amore è molto di più; non può essere classificato, incasellato, conformato o definito, perché se lo fosse, lo dovremmo chiamare in modo diverso.

Sabrina, che ha scritto un messaggio ad Alessandro, ha espresso il desiderio di leggere anche il vostro punto di vista, quindi i vostri commenti sono i benvenuti!

* * *

Caro Alessandro,
Penso che si possano amare più persone contemporaneamente. Perché non siamo socialmente liberi di sostenerlo?
Ho trent’anni e sto [ufficialmente] insieme da una vita ad un uomo che mi dà delle cose e sto [segretamente] insieme ad un altro che me ne dà delle altre (quelle che il primo non mi dà e viceversa). Una cosa è certa: è sempre amore, sotto forme diverse. Se qualcuno mi ponesse davanti ad una scelta sarei in crisi. Eppure questa vita è fatta, per entrambe le parti, da pienezze e da vuoti. E i vuoti, le mancanze… sono forti. E le pienezze di uno non compensano i vuoti dell’altro.
Sento che è un’inevitabile condanna. Secondo te posso riuscire a sopravvivere così?

Sabrina

* * *

Cara Sabrina, tu sfondi una porta aperta. Nel mio libro esprimo parecchie perplessità sia sull’amore “proprietario” (“Io sono tua”, “Tu sei soltanto mio”) sia sul sesso monogamico (quello che fa gridare all’assenza di amore se uno dei due partner ha rapporti fisici con altri). Il problema è che, se ognuno dicesse al proprio partner, chiaramente, come la pensa, non esisterebbero più coppie – almeno per come è intesa oggi, e da due secoli a questa parte, la coppia. Si finisce così, come fai tu, per agire di testa propria ma… di nascosto. Questo atteggiamento rende ancora più peccaminosa la condotta la quale, se da un lato può beneficiare del piacere del proibito, dall’altro viene relegata nell’ambito dei comportamenti socialmente disdicevoli. Insomma, molti lo fanno ma guai a dirlo. Che fatica! Secondo me, la tua sopravvivenza in questa situazione dipende quasi esclusivamente da te, dalla tua capacità di fregartene dei luoghi comuni e dalla tua costanza nel ricercare una tua via alla realizzazione personale. Se dovessi riassumere tutto il libro “Cronache sentimentali” in un unico concetto, direi questo: ognuno di noi ha diritto di cercare la felicità, ma la felicità non è una cosa standard. Invece spesso, e soprattutto in amore, cerchiamo di far entrare la nostra vita in uno stampino di felicità creato da altri. Questa è l’origine di tutti i mali – e di molti malumori.

Alessandro

www.alessandrozaltron.com                                                                                                        Per i vostri quesiti o S.O.S. amorosi scrivetemi qui: mail@alessandrozaltron.com

Un messaggio in bottiglia

lunedì, febbraio 8th, 2016

lettere

“Cara Catherine,
mi dispiace di non aver parlato con te per tanto tempo, ma avevo perso le coordinate. Niente più rotta, niente più bussola. Continuavo a sbattere contro le cose, ero come pazzo, credo. Non mi era mai successo prima.
Tu eri la mia stella polare. Riuscivo sempre a tornare in porto, quando c’eri tu ad aspettarmi. Perdonami se mi sono arrabbiato quando te ne sei andata, penso ancora che si tratti di uno sbaglio ed aspetto che Dio provveda a correggerlo. Ma adesso me la cavo un po’ meglio, il lavoro mi aiuta. Più di tutto mi aiuti tu. Mi sei apparsa in sogno stanotte con quel tuo sorriso che mi ha sempre stregato e avvinto e cullato come un bambino. Tutto quello che mi è rimasto del sogno è una grande pace. Mi sono svegliato con questa sensazione ed ho cercato di trattenerla il più a lungo possibile. Ti scrivo per dirti che ho intrapreso il viaggio verso quella pace ed anche per dirti che mi dispiace di tante cose. Mi dispiace di non essermi occupato meglio di te, così da evitarti di essere infreddolita, spaventata o malata anche per un solo momento. Mi dispiace di non aver provato a trovare le parole per dirti quello che provavo. Mi dispiace di non avere mai aggiustato la porta, l’ho fatto ora. Mi dispiace di aver litigato con te, mi dispiace di non essermi scusato di più, ero troppo orgoglioso. Mi dispiace di non averti fatto più complimenti per quello che indossavi o per come ti pettinavi. Mi dispiace di non aver lottato per trattenerti, cosicché niente al mondo potesse separarci.
Con tutto il mio amore.”

Questo è il messaggio in bottiglia che trova Theresa, la protagonista del film “Le parole che non ti ho detto”, tratto dall’omonimo romanzo di Nicholas Sparks, mentre fa jogging sulla spiaggia.
Uno sconosciuto, consegna alle onde dell’Oceano, le sue emozioni più vere e più profonde, per cercare di trovare conforto e sollievo per l’amore perduto.

Se anche voi, cuori allo sbando o alla deriva, avete bisogno di un consiglio, non gettate in mare i vostri messaggi (non si sa mai chi li possa raccogliere!), scrivete invece ad Alessandro.
A breve, verrà inaugurata, qui sul blog, la rubrica “Posta del Cuore”, e chi meglio dell’autore di Cronache sentimentali – come sopravvivere all’amore potrà fornirvi la giusta risposta?

I vostri quesiti e S.O.S. amorosi affidateli a: mail@alessandrozaltron.com

 

L’amore nel 2016

martedì, febbraio 2nd, 2016

“Questo amore è un camera a gas
è un palazzo che brucia in città
questo amore è una lama sottile
è una scena al rallentatore
questo amore è una bomba all’hotel
questo amore è una finta sul ring
è una fiamma che esplode nel cielo
questo amore è un gelato al veleno…”

Così cantava anni fa, per l’esattezza nel 1984, Gianna Nannini.
Ma l’amore, si sa, può essere espresso in moltissimi modi.
I nostri artisti contemporanei, invece di romantiche metriche, lo raffigurano sui muri di grigi palazzi periferici. E se il sentimento dovesse risultare troppo bruciante o scottante, l’idrante anti-incendio (amoroso) è già a portata di mano.

Muro