Fedeltà e lealtà

maniRecentemente si è discusso molto della parola fedeltà. A scatenare il dibattito è stato il maxi emendamento del Governo, che per le unioni civili ha pensato di toglierne l’obbligatorietà: per non equipararlo in tutto e per tutto all’istituto del matrimonio, riservato esclusivamente alle coppie eterosessuali.
La maggioranza della comunità gay si è sentita offesa perché ritiene che senza il vincolo di fedeltà, il contratto – perché è questo di cui si parla – è discriminatorio.
Senza entrare nel merito della questione, ma analizzando l’argomento da un punto di vista diverso, magari più superficialmente, la fedeltà è davvero un valore a cui appellarsi e da difendere a spada tratta?
L’unica fedeltà che mi sentirei di proteggere è quella verso il proprio io, il proprio sentire, il proprio modo di essere e la propria indole più profonda. Già arrivare a essere fedeli a se stessi è un obiettivo difficile da raggiungere; figuriamoci giurare di esserlo, a tutti i costi, a un’altra persona!
Ma poi, cosa significa nei fatti? Il divieto, a un certo punto della vita, di cambiare idea o opinione? Il veto di essere quello che si è stati in un determinato momento? Si può imporre la coerenza per legge?
Io preferisco di gran lunga la lealtà. Conosco coppie non fedeli ma leali, molto solide. E molte più coppie vincolate a un patto di fedeltà continuamente violato. Ritengo che due persone libere, intelligenti e mature possano decidere da sé quale sostanza dare alla loro relazione: se essersi fedeli (cioè monogami), o non esserlo, se e in che modo modificare a un certo punto le modalità di questo loro rapporto. Ci sono coppie che resistono anche quando uno dei partner decide di cambiare sesso e coppie che niente può tenere unite, nemmeno il bene per i figli. Coppie che stanno assieme solo per convenienza e interesse, per consuetudine, per comodità, per mancato coraggio, e altre che si amano a distanza per tutta la vita. E nessuno, men che mai il legislatore, dovrebbe permettersi di decidere chi è nel giusto e chi no.

Scrivi un commento

*